20141107-165517.jpg

Come è cambiata l’attività imprenditoriale negli ultimi decenni in Italia? Qual è il ruolo dell’impresa nella società? Come si mettono in rapporto tradizione e innovazione? Quale significato può avere per un imprenditore il bene comune?

Il volume “Imprenditore: risorsa o problema?” di Giorgio Fiorentini, Giulio Sapelli e Giorgio Vittadini, raccoglie le riflessioni di alcuni tra i principali imprenditori e manager del nostro Paese – da Pasquale Natuzzi a Oscar Farinetti, da Roberto Snaidero a Giorgio Squinzi – e riflette sulle profonde trasformazioni che sta vivendo l’industria italiana, indicando le possibili strategie per dare vita a una ripresa economica e culturale.

“L’attuale scenario economico globale è radicalmente mutato rispetto a 30/40 anni fa” scrive Pasquale Natuzzi, che prosegue: “Operare nel mercato globale è una sfida faticosa e affascinante al tempo stesso, che presenta insidie ma anche grandi opportunità. Eluderla o non affrontarla è un errore che un imprenditore, piccolo o grande, non deve fare”.

Partendo dal ruolo spartiacque della crisi, gli autori approfondiscono i nuovi modi di fare impresa che stanno sorgendo nel Paese e mostrano da dove ripartire per costruire un’economia che metta al centro il benessere delle persone e lo sviluppo della società.